Benvenuto nelle Marche, scegli la Riviera Picena delle Palme per la tua vacanza

Massignano

Fondata dai Sabini in epoca preromana, Massa Aniana era il complesso dei beni posseduti da Anio, di stirpe etrusca. Dall’anno 1168 è documentata l’esistenza del castello Ghibellino di Forcella. Ancora oggi Massignano conserva l’impianto urbano tipicamente medievale; il centro storico è caratterizzato da tre porte d’accesso: a nord (sec. XI), ad ovest (sec. XIX) e a sud-est (sec. XVII). Dalla piazza principale si diramano le varie vie del paese lungo le quali si possono ammirare splendidi palazzi signorili: Palazzo Tassoni (sec. XV), Palazzo Tafani-Santini (sec. XVIII), Palazzo Faviani (sec. XVIII), Palazzo Laurantoni (sec. XIX).

Museo dei Fischietti delle Piepe e della Terracotta Popolare

Rappresenta un tesoro culturale della comunità massignanese, che apre uno sguardo sul passato del borgo, storicamente noto come il paese dei vasai (‘u paese de lì cuccià). Strutturato in due sezioni, nella prima sono raccolti alcuni manufatti in terracotta dell’artigianato locale, semplici nelle linee e nelle forme; nella seconda sono raccolti fischietti e pipe, provenienti dalla comunità locale, ma anche dall’Italia e dal mondo. Una collezione in continua crescita, grazie al costante lavoro di ricerca da parte di studiosi e ricercatori volontari.

L’arte dei vasai, le pipe e i fischietti in terracotta di Massignano

Attraverso forme essenziali e dimesse decorazioni, i nostri vasai riuscirono a rendere migliore la qualità della vita delle popolazioni che vivevano al di fuori delle corti ducali. Ai piatti imperiali, ai servizi istoriati, alle caffettiere a terzo fuoco, i nostri vasai contrapposero vocalette, scolapasta, scaldini, casciarole e trufi dalla semplice smaltatura.
La loro arte, come attestano gli ultimi studi critici, è sostenuta da genuina vena popolare e la loro ceramica sonora e da fumo, realizzata con garbo plastico e spirito creativo, ha reso famosa in campo nazionale la nostra ceramica popolare. Siamo in presenza di foggiatori orgogliosi degli standards della loro bottega e come avviene nella prassi delle lavorazioni popolari il patrimonio morfologico e figurativo resiste anche senza essere rinnovato, perchè “soddisfa i bisogni spirituali e pratici del popolo e per questa sua funzione vitale si trasmette nel tempo”. A Massignano si foggiavano fischietti piccoli, medi e grandi.
Il “Museo dei Fischietti, delle Pipe e della Terracotta popolare”, racconta l’antica arte dei maestri vasai massignanesi, che per decenni ha rappresentato, sia per le famiglie che per il paese, una importante risorsa e motivo di interesse e riconosciuto prestigio. Proprio in loro onore, a luglio si svolge la “Rassegna di Fischietti e Pipe in terracotta” con maestri e collezionisti provenienti da tutta italia.

Condividi su Facebook

Gallery

Newsletter